Tito Brasolin

Toglimi una curiosità. Tuo zio è sempre morto? (Totò, 1937)

Il magico punto "G"

without Commenti

Avete presente il misterioso ed elusivo punto "G", che tutti cercano e che nessuno riesce a trovare? Finalmente un gruppo di scienziati ha condotto uno studio approfondito su 1800 donne, concludendo che... Effettivamente, non si riesce a trovare: BBC News - The G-spot 'doesn't appear to exist', say researchers

xkcd - A webcomic of romance, sarcasm, math, and language - By Randall Munroe

Ma chi sarà poi il primo a essersi messo in testa che lo si dovesse cercare? Per fortuna nel 2009 gli scienziati sono stati impegnati anche in ricerche più utili, così finalmente adesso sappiamo che gli uomini sono interessati al sesso occasionale più delle donne, e che portare i tacchi alti fa male ai piedi: FOXNews.com - No Duh! The Most Obvious Scientific Discoveries of 2009

Inoltre, a quanto pare: Women worse at parking than men, study shows - Telegraph... Ma sarà poi vero?

Continua a leggere "Il magico punto "G"" »

Scritto da Tito Brasolin

01/04/10 at 22:27:46

Female circumcision and HIV infection in Tanzania: for better or for worse?

without Commenti

Questo potrebbe essere un link interessante: Female circumcision and HIV infection in Tanzania: for better or for worse?

In un precedente post facevo qualche considerazione sulla campagna pro-circoncisione che si sta estendendo a tutto il mondo. In effetti pare che si tratti di una pratica utile nella prevenzione di varie malattie, anche se è (abbastanza palesemente) superflua in regioni culturalmente ed economicamente avanzate: dopotutto in Europa gli uomini circoncisi sono una minoranza, ma il virus HIV non è certo più diffuso che negli Stati Uniti...

Continua a leggere "Female circumcision and HIV infection in Tanzania: for better or for worse?" »

Scritto da Tito Brasolin

12/03/09 at 21:31:01

Ancora prima!

with 2 Comments

Isabella Schiavone del TG1 - Redazione Società
Fa più vittime della guerra, del cancro, degli incidenti stradali. La violenza domestica è la prima causa di mortalità nel mondo per le donne tra i 19 e i 44 anni.

Pareva essere stata scalzata dall'AIDS ma la violenza domestica in realtà tiene ancora banco. Sta un po' passando di moda, ma sentite cosa dice il TG1 di mercoledì 25 novembre 2009, edizione delle 20 (pubblico direttamente i link agli stream video, potete aprirli con VLC)

È bene rispolverarla in vista della manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne del 28 novembre. Con l'occasione... Conoscete la funzione Registra di VLC, vero?

Se i link non funzionano, lasciate un commento a questo post: vedrò di pubblicare il materiale in un formato più accessibile. Teoricamente gli utenti registrati dovrebbero poter lasciare dei commenti sulla relativa pagina del TG1, riporto il link.

Scritto da Tito Brasolin

11/25/09 at 20:58:27

Circoncisione e salute pubblica

with 2 Comments

Massachusetts Gov. Deval Patrick applaudes Geoff MacKay, president & CEO of Organogenesis Inc., Thursday afternoon, May 31, 2007.

Sarà... Qualcuno ha improvvisamente trovato qualcosa di buono in una pratica millenaria dolorosa e controversa. Anzi, ha addirittura scoperto che è un vero toccasana che andrebbe imposto a tutti i neonati: a tutela della loro salute, naturalmente.

Queste cose mi lasciano sempre un po' perplesso: non sembra strana anche a voi questa campagna pro-circoncisione? Vi risparmio i link, potete trovare facilmente molti articoli che dimostrano l'efficacia della circoncisione nella prevenzione di una quantità di malattie. Io però tendo sempre a chiedermi cosa ci possa essere sotto... Ma quando mai ci siamo mobilitati per salvaguardare (preventivamente, per giunta) la salute, che so, dei popoli africani? E adesso, improvvisamente...

Quello che è certo è che i prepuzi asportati hanno potenzialmente applicazioni industriali molto remunerative, ecco un esempio: Meat Band-Aids and Mass Production of Living Tissue - Apligraf

Fa riflettere, vero? Anche perché...

Continua a leggere "Circoncisione e salute pubblica" »

Scritto da Tito Brasolin

11/15/09 at 09:36:20

Ma gli uomini sono più pettegoli delle donne?

without Commenti

Link: Do Men Gossip more than Women?

Alcune semplici regole da tenere a mente. Da sottolineare la numero 5.

  1. Suspect any fact which is controversial. A fact is controversial if it is or is likely to be controverted by anyone you might wish to engage with.
  2. Suspect any fact which it is not immediately clear how one would go about verifying it.
  3. Suspect facts which are uncited, or cited to unauthoritative or unavailable sources.
  4. Suspect facts which appear to have arisen within, and are primarily adduced by the members of an agenda-lead group or movement.
  5. Be especially critical of facts where the immediately preceding applies, and you identify or sympathise with the group, movement or agenda, or which are otherwise convenient to your own agenda.
  6. If you wish to adduce a suspect fact, Verify it with truly authoritative source. Don’t confuse “authoritative” with “scholarly” or “official”. If you can’t answer the question “how did this come to be known” then you don’t have an authoritative source, or if you do, then both source and fact aren’t worth a damn.)
  7. If you can’t fully satisfy the previous criterion, but still want to use the fact, indicate in your writing the extent to which you have verified it.
  8. Cite.

Scritto da Tito Brasolin

10/30/09 at 00:42:48

Posted in Questions

La prima causa di morte?

with 1 Commento

Aggiornamento di sabato 17 ottobre 2009: il video non è più pubblicamente visibile! Action for Women starà aggiustando il tiro. In effetti l'aveva sparata grossa, su YouTube ci sono molti commenti negativi e non è detto che la presenza di Deborah Bergamini abbia contribuito a dare lustro all'iniziativa: ecco un video risalente all'anno scorso con un intervento di Marco Travaglio su Deborah Bergamini http://www.youtube.com/watch?v=6iOg7_nZBWc


Ulteriore rettifica di sabato 17 ottobre: c'erano molti commenti negativi, ma sono stati tutti censurati, ed è stato disabilitato il rating.

Lo spot è attualmente visibile in questa pagina del mio blog.


 

 

La violenza domestica è la prima causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni, più del cancro e degli incidenti stradali (OMS)
Il Tempo, 12 aprile 2006

La citazione è tratta da un video diffuso dal Ministero delle Pari Opportunità e visibile nel canale YouTube dell'iniziativa Action for Women. Nel video sono presenti altre affermazioni, ma quella citata mi ha colpito in modo particolare dato che ripropone con qualche variante (per esempio l'attribuzione all'Organizzazione Mondiale della Sanità) un "dato" già circolante in Italia da alcuni anni: nel ritaglio di giornale qui a fianco si afferma:

La violenza subita dal partner, marito, fidanzato o padre che sia, è la prima causa di morte e invalidità permanente per le donne fra i 16 e 44 anni, ancora prima del cancro, incidenti stradali e la guerra.
Stop Violence Against Women: 'It's in our hands' - Amnesty International

In questo caso i dati sono attribuiti al Consiglio d'Europa, ed effettivamente la Raccomandazione 1582 del 2002 dice qualcosa di simile. Purtroppo però pare che tutta la faccenda sia un abbaglio, già liquidato nel 2005 come leggenda metropolitana (testualmente "urban myth") nientemeno che da Amnesty International.

Per gli impazienti ecco subito il link a uno degli errata corrige di Amnesty: Stop Violence Against Women: 'It's in our hands' - Amnesty International. Se il link non funziona (si tratta di pagine non recenti che Amnesty probabilmente un po' alla volta cancellerà) si può visualizzare un'immagine dell'errata cliccando sull'anteprima qui accanto.

E adesso qualche sommaria considerazione sui dati a noi disponibili, seguita dai dettagli della vicenda.

Continua a leggere "La prima causa di morte?" »

Scritto da Tito Brasolin

10/14/09 at 16:50:51