Tito Brasolin

Toglimi una curiosità. Tuo zio è sempre morto? (Totò, 1937)

WindowsIdentity per ASP.NET

without Commenti

Ogni tanto ho bisogno di accertarmi “al volo” di quale sia l'identità del processo ASP.NET. Mi copio qui il semplicissimo script WindowsIdentity.aspx che di solito uso, tanto per averlo a portata di mano. E poi chissà che non sia utile anche a qualcun'altro:

<%@ Page Language="vb" trace="false" debug="true" %>
<script language="vb" runat="server">
Private Sub Page_Load(ByVal sender As System.Object, ByVal e As System.EventArgs)
    Response.write(System.Security.Principal.WindowsIdentity.GetCurrent().Name)
End sub
</script>

 

Scritto da Tito Brasolin

02/17/10 at 11:37:40

Posted in .NET, Development

Open source project of the day: Evolutility

with 1 Commento

Evolutility

Link: http://www.evolutility.org/Index.aspx

Evolutility is a metadata driven framework for CRUD Web applications. With it, you can build or customize your web applications without any hand coding necessary. It works on ASP.net, and SQLServer or MySQL databases. http://www.evolutility.org

 

Notevole il progetto, e anche gli articoli che il suo autore ha pubblicato su Codeproject: Evoluteur - Professional Profile - CodeProject. Esiste anche una pagina su Sourceforge: Evolutility | Get Evolutility at SourceForge.net.

Ulteriore nota positiva, il fatto che il progetto è attivamente sviluppato, ecco il link diretto ai feed: http://sourceforge.net/export/rss2_keepsake.php?group_id=225915.

Scritto da Tito Brasolin

02/16/10 at 14:55:21

Posted in .NET, Development

How to: Customize the Default Web Page for a ClickOnce Application

without Commenti

... Pare che non sia così semplice, purtroppo: http://msdn.microsoft.com/en-us/library/k5befhe3.aspx

To customize the publish Web page

  1. Publish your ClickOnce application to a Web location. For more information, see How to: Publish a ClickOnce Application.
  2. On the Web server, open the Publish.htm file in Visual Web Designer or another HTML editor.
  3. Customize the page as desired and save it.
  4. Optional. To prevent Visual Studio from overwriting your customized publish Web page, uncheck Automatically generate deployment web page after every publish in the Publish Options dialog box. For more information, see Publish Options Dialog Box.

Già qualche anno fa ci sono state richieste per rendere templatable la pagina di pubblicazione, ma pare che non se ne sia fatto nulla.

Di fatto, mi sembra ci siano solo due alternative alla correzione manuale:

  1. Applicare una trasformazione alla pagina pubblicata, come suggerito qui: http://todotnet.com/post/2005/10/11/Customize-the-Default-Web-Page-for-a-ClickOnce-Application.aspx
  2. Utilizzare msbuild come suggerito qui: http://wallism.wordpress.com/2009/12/08/clickonce-creating-publish-page-from-msbuild/

Tra parentesi, il modulo DotNetNuke® XML sarebbe una pacchia per personalizzare la pagina di pubblicazione… Peccato che le impostazioni di sicurezza proibiscano la DTD, e quindi non è possibile aggiungere al file xsl la linea <!DOCTYPE xsl:stylesheet [ <!ENTITY nbsp "&#x00A0;"> ]> che risolverebbe in modo semplice il problema dell'entità nbsp sconosciuta.

Ho inoltrato una richiesta in questo senso agli sviluppatori del modulo, speriamo bene.

Bonus link: Taking the ClickPain out of ClickOnce (risale al 2006, ma non sembra essere cambiato moltissimo da allora).

Scritto da Tito Brasolin

02/15/10 at 11:02:19

Posted in .NET

Perché i programmatori non sono pagati in proporzione alla loro produttività?

without Commenti

John Douglas Cook
Programmers are most effective when they avoid writing code. They may realize the problem they’re being asked to solve doesn’t need to be solved, that the client doesn’t actually want what they’re asking for. They may know where to find reusable or re-editable code that solves their problem. They may cheat. But just when they are being their most productive, nobody says “Wow! You were just 100x more productive than if you’d done this the hard way. You deserve a raise.” At best they say “Good idea!” and go on. It may take a while to realize that someone routinely comes up with such time-saving insights. Or to put it negatively, it may take a long time to realize that others are programming with sound and fury but producing nothing.

 

Fonte: Why programmers are not paid in proportion to their productivity — The Endeavour

Scritto da Tito Brasolin

12/27/09 at 14:00:46

GMinder - Desktop Reminder for Google Calendar

without Commenti

Reminder Window

Link: GMinder - Desktop Reminder for Google Calendar - Reflective Code

Molto carino, in .NET e open source.

Scritto da Tito Brasolin

12/15/09 at 14:02:57

Usare JQuery in DotNetNuke

without Commenti

DotNetNuke

Devo ringraziare Joe Brinkman per una spiegazione magari non del tutto esauriente ma sicuramente chiarificatrice sul fatto che

If you are using DNN 4.9.1 and above, then jQuery is already included in the distribution. The DNN 4.9.x versions will require you to add your own jQuery reference to the page, but DNN 5.x will add the reference to the page if the framework decides it is needed.

 

Per essere più precisi, nella distribuzione DNN 4.9.1 and above è incluso jQuery 1.2.6 in versione “minified”. Il percorso è /Resources/Shared/scripts/jquery/jquery.min.js e può essere utilizzato con i moduli che lo richiedono, ad esempio XsltDb, inserendo nei Page Header Tags (vedansi le impostazioni avanzate della pagina) qualcosa del tipo:
 <script src="[...]/Resources/Shared/scripts/jquery/jquery.min.js"><script>

In tutta franchezza XsltDb mi sta dando qualche problema con un'installazione collocata in una sotto-cartella, ma per il resto devo dire che è un discreto modulo.

Origine: The Accidental Geek - DotNetNuke Tips and Tricks #11: Using jQuery in DotNetNuke

Scritto da Tito Brasolin

12/14/09 at 17:04:10

Posted in .NET, Development, Internet

DIY Ambilight - Parte 3: configurare boblightd

without Commenti

La puntata precedente ha introdotto il demone boblightd, oggi vediamo alcune caratteristiche del suo file di configurazione boblight.conf che, lo ricordiamo, si suddivide nelle sezioni:

  • [global]
  • [device]
  • [color]
  • [light]

Continua a leggere "DIY Ambilight - Parte 3: configurare boblightd" »

Scritto da Tito Brasolin

12/03/09 at 20:08:50

DIY Ambilight - Parte 2: boblightd

without Commenti

Qualche appunto sugli eseguibili facenti parte del pacchetto Boblight, ovvero:

  • boblightd, un demone che controlla le luci sulla base degli input provenienti dai client;
  • i tre client boblight-constant, boblight-v4l e boblight-X11.

Continua a leggere "DIY Ambilight - Parte 2: boblightd" »

Scritto da Tito Brasolin

12/02/09 at 19:27:18

PHP SOAP Toolkits

without Commenti

Nel cercare qualche strumento per sviluppare servizi web con approccio contract-first mi sono imbattuto in un paio di strumenti molto interessanti:

Mi interessa in modo particolare la possibilità di generare lo skeleton del webservice a partire dal WSDL.

Riguardo PST ho trovato molto pratico il fatto che SOAP_Toolkit venga fornito come pacchetto PEAR installabile semplicemente con il comando pear install SOAP_Toolkit-1.1.0.tgz

A dire il vero...

Continua a leggere "PHP SOAP Toolkits" »

Scritto da Tito Brasolin

11/27/09 at 20:29:54

Doctrine - PHP Object Relational Mapper

without Commenti

Doctrine ORM - Copertina del libro

Link: Doctrine - PHP Object Relational Mapper

Negli ultimi tempi ho un po' trascurato il buon vecchio PHP, ma sembra che in realtà ci sia un bel movimento: Doctrine is an object relational mapper (ORM) for PHP 5.2.3+ that sits on top of a powerful database abstraction layer (DBAL). One of its key features is the option to write database queries in a proprietary object oriented SQL dialect called Doctrine Query Language (DQL), inspired by Hibernates HQL. This provides developers with a powerful alternative to SQL that maintains flexibility without requiring unnecessary code duplication.

Non male.

Scritto da Tito Brasolin

11/25/09 at 17:14:53

Posted in Development, PHP

Tags: ,